Alcune curiosità su Reykjavìk, la capitale dell’Islanda

Reykjavík, come molti di voi sapranno è la capitale dell’Islanda. Con 120.000 abitanti è il cuore culturale, economico e politico del paese.
Qui, si trovano le maggiori facoltà universitarie della nazione, musei, istituzioni culturali e teatri. Reykjavìk però, viene inoltre considerata, ovviamente in modo auto ironico, la capitale più calda d’Europa, chiaramente non per quanto riguarda il fattore climatico, ma per lo spirito degli abitanti.

Entrando più nello specifico, è importante dare qualche informazione per quanto concerne il territorio e il clima. Reykjavik è situata nella parte sud-ovest dell’Islanda nel golfo Faxaflòi, ed è bagnata dall’Oceano Atlantico. La morfologia del territorio è costituita da una serie di colline, baie, isole e penisole. Inoltre, la sua vicinanza alle principali faglie della dorsale medio atlantica, fa si che si verifichino frequenti terremoti, per fortuna solitamente di bassa intensità e non avvertiti dalla popolazione.
La vicinanza al circolo polare artico fa sì che in giugno e parte di maggio e luglio non ci sia la notte, ma sole il Sole, il quale però scende sempre sotto la linea dell’orizzonte, creando una luce crepuscolare. D’inverno invece si verifica il fenomeno opposto, di conseguenza il Sole si alza poco sopra la linea dell’orizzonte per non più di 4 ore al giorno.
Nonostante molti di voi possano pensare che le temperature invernali siano improponibili, vi dirò che sono meno rigide di quel che si pensa. A tal proposito, è molto difficile che si scenda al di sotto dei -15° sotto lo zero in inverno. Ciò avviene perchè il clima costiero islandese in inverno è mitigato dalle calde acque della corrente del Golfo. La temperatura più alta si ebbe nel 2008, più precisamente il 30 luglio, quando si raggiunsero i 26,2° C; mentre quella più bassa si registrò nel lontano 21 gennaio 1918 con -24,5°.

Cosa fare durante un soggiorno in questa gelida e calda città chiamata Reykjavik? Molteplici cose a dire il vero. Una delle esperienze più quotate è sicuramente quella dei bagni di vapore. La sorgente termale più famosa è di certo la Laguna Blu, sita nella zona di Grindavìk, a circa 40 km dalla città. La piscina naturale è alimentata dalle acque geotermali della sorgente di Svartsengi , ricche di minerali curativi, e raggiunge in media temperature tra i 37 e i 39° C.
Nel cuore di Reykjiavik invece, troviamo molti monumenti di interesse, tra cui, ad esempio, la chiesa Hallgrìmskirkja, capolavoro di quello che è stato definito lo stile “nazionale basaltico islandese”. Con la sua torre alta ben 73 metri, può essere tranquillamente considerata il simbolo della città.
Un altro appariscente edificio, di recente costruzione ed inaugurato nel 2011 è l’Harpa, situato di fronte all’incrocio principale del centro della città, incanta spesso i passanti con giochi di luci artificiali e riflessi dal Sole sulle pareti esterne completamente vetrate.
Per quanto riguarda i musei, consigliatissimi sono la Galleria nazionale “Listasafn” e il museo nazionale “Pjòominjasafn”.

Per quanto concerne la vita notturna, ricordate che accennavo allo spirito molto caldo degli islandesi?! Ecco, è proprio durante la notte che questo spirito focoso esce al meglio. A tale riguardo, Reykjavik è spesso riconosciuta come “la capitale della vita notturna del nord”, per cui, se avete intenzione di fare baldoria, sappiate che siete nel posto giusto. Gli islandesi tendono ad uscire la sera relativamente tardi, così i bar e le discoteche si riempiono rapidamente verso la mezzanotte. Tra le principali cause di questo comportamento c’è l’elevato costo dell’alcol: una pinta di birra può costare tra i 5,50 e i 9 €. Comunque, tralasciando questo aspetto non propriamente positivo, occorre dire che si ha l’imbarazzo della scelta per decidere in quale locale fare serata, siccome nel centro della città ci sono più di cento bar e discoteche.


Doveroso, almeno a mio parere, è qualche dato statistico, e a questo proposito non si può non asserire che negli ultimi anni l’Islanda è stata considerata uno dei paesi più ricchi e sviluppati del mondo e ben il 99,9 % dell’energia elettrica della nazione viene generata da fonti rinnovabili. Inoltre, come la Costa Rica, l’Islanda è uno dei 24 paesi del mondo a non possedere alcuna armata, nonostante faccia parte della Nato. Come se non bastasse, secondo Freedom of the press, l’Islanda è la nazione che possiede il più alto grado di libertà di stampa al mondo.
Apparenza glaciale e temperamento di fuoco, questa è Reykjavìk, questa è l’Islanda.







Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...