Alla scoperta di Machu Picchu, una delle 7 meraviglie del mondo

Machu Picchu, sito archeologico inca sito in Perù, fa parte dei Patrimoni dell’umanità stilati dall’UNESCO. Nel 2007 è stato eletto come una delle Sette meraviglie del mondo moderno ed è il secondo sito archeologico più grande del mondo dopo gli scavi di Pompei.

Flora e fauna sono abbondanti e varie. Le tipiche piante che vivono nella riserva storica di Machu Picchu comprendono palme, felci e più di 90 specie di orchidee.
La fauna della riserva include l’orso dagli occhiali, la rupicola o “Tunqui“, gatti selvatici e un’impressionante varietà di farfalle e insetti unicamente presenti nella regione.
Per quanto concerne il clima, urge sapere che di giorno c’è un caldo piuttosto umido, mentre la notte è piuttosto fresca. Generalmente la temperatura varia dai 12° ai 24° e nei mesi tra novembre e marzo la zona è particolarmente piovosa. Qui, le piogge abbondanti si alternano molto velocemente a periodi di luce solare intensa.
La storia di Machu Picchu è ancora avvolta nel mistero e non si conosce quale fosse il suo ruolo nella vita degli Inca. I ricercatori contemporanei tendono a credere che Machu Picchu fosse un villaggio di campagna per l’élite degli Inca. Ciò che è chiaro e lampante è che si trattava di un luogo straordinariamente ben nascosto e ben protetto. Situato lontano tra le montagne del Perù, i visitatori dovevano viaggiare su lunghe valli disseminate di punti di controllo e di torri di avvistamento.
Si suppone che la città fosse stata costruita dall’imperatore inca Pachacútec intorno all’anno 1440 e sia rimasta abitata fino alla conquista spagnola del 1532. La posizione della città era un segreto militare ben custodito, in quanto i profondi dirupi che la circondano erano la sua migliore difesa naturale. Difatti, una volta abbandonata, la sua ubicazione rimase sconosciuta per ben quattro secoli, entrando di diritto nella leggenda. Scoperte archeologiche, unite a recenti studi su documenti coloniali, mostrano che non si trattava di una normale città, bensì di una specie di residenza estiva per l’imperatore e la nobiltà Inca.
Nel 1911, più precisamente il 24 luglio, la città fu riscoperta da Hiram Bingham. Costui compì parecchi altri viaggi ed eseguì scavi fino al 1915, quando si accorse dell’importanza della sua scoperta, convincendosi che Machu Picchu era quella che lui chiamava Vilcabamba.
Machu Picchu venne dichiarata un santuario storico peruviano nel 1981 e un patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1983. Non essendo stato saccheggiato dagli spagnoli quando conquistarono gli Inca, è particolarmente importante come sito culturale ed è considerato un luogo sacro.

COSA VEDERE 

Come potete facilmente immaginare, ci sono molti posti da vedere e da esplorare. Innanzitutto, tutti i punti panoramici che offrono una meravigliosa vista dall’alto, nuvole permettendo, vanno assolutamente raggiunti.
Inoltre, urge sapere che l’area edificata di Machu Picchu è di 530 metri di lunghezza  e 200 metri di larghezza. Include almeno 172 livelli: Il complesso è chiaramente diviso in due grandi zone, la zona agricola, formata dall’insieme delle terrazze per la coltivazione, ubicata a sud, e la zona urbana, che è quella dove vivevano gli abitanti e dove si svilupparono le principali attività civili e religiose. Entrambe le parti son separate da un muro, un fosso e una scalinata, elementi che corrono paralleli alla costa est della montagna.
ZONA AGRICOLA
I terrazzamenti di Machu Picchu appaiono come grandi scale costruite sul lato della collina. Essi sono strutture formate da un muro di pietra con un riempimento di diversi strati di materiale (pietre grandi, pietre piccole, argilla, ghiaia e terra da coltivazione) che facilitano il drenaggio, evitando che l’acqua si fermi in esse e sgretoli la struttura. Tale tipo di struttura ha permesso la coltivazione sopra di esso fino al primo decennio del XX secolo. Altri terrazzamenti di minor importanza si incontrano nella parte bassa di Machu Picchu intorno a tutta la città. La loro funzione, però, non era agricola, bensì servivano come muri di contenimento.

ZONA URBANA

La città è divisa dalla zona agricola da un muro lungo 400 metri. Parallelo al muro, corre un fosso usato come drenaggio principale della città. Nella parte alta del muro si trova la porta di Machu Picchu che aveva un sistema di chiusura interna.
La zona urbana è stata divisa in 2 settori: hanan (alta) e hurin (bassa), in accordo alla divisione tradizionale della società e della gerarchia andina. Il cuore di questa divisione fisica è la plaza alargada, costruita su terrazze a differenti livelli che si accordano al naturale pendio della montagna.
Il secondo asse per importanza della città forma una croce con il primo, attraversando praticamente tutta la larghezza delle rovine da est a ovest. Consiste di 2 elementi: una lunga e larga scalinata che fa le veci di strada principale ed un insieme di corsi d’acqua che corrono paralleli ad esso. Nell’intersezione di entrambi è ubicata la residenza dell’Inca, il tempio osservatorio del Sol o Torreon, dove si trova la prima e la più importante delle fonti d’acqua.

Oltre alla zona agricola e urbana della città, vi sono altri luoghi da vedere ed escursioni da compiere, indi per cui, ecco alcune cose da non perdere.
Huayna Picchu
Il Huayna Picchu o Wayna Pikchu altro non è che il monte che sovrasta Machu Picchu. Il suo nome significa giovane vetta.
Picco molto ripido, poco distante dalla spianata del sito archeologico, ha un sentiero stretto e molto ripido, ma che permette comunque, in circa 45 minuti, di raggiungere la vetta senza troppi problemi.
Dalla sua cima si ha il privilegio di ammirare l’antica città inca. Sempre dalla cima, c’è un sentiero, percorribile in circa un’ora, che porta ai resti di un tempio cerimoniale Inca, chiamato il tempio della Luna.
Ponte Inca
Ponte levatoio realizzato con tronchi, venne costruito attraverso una scogliera a picco, la quale permetteva un accesso controllato alla città. Tale ponte si trova a sud-ovest di Machu Picchu e la passeggiata ad esso risulta essere piuttosto breve, di conseguenza non avete scuse per non andarci.
Monte Machu Picchu
Questo è il monte ove si trova Machu Picchu e la vetta può essere raggiunta  a piedi. Per essere più preciso, tra andata e ritorno ci vorranno dalle 2 ore e mezza alle tre ore.  A mio parere, essendo uno dei siti meno visitati della zona, vale assolutamente la pena prodigarsi nel compiere questa escursione, così da allontanarsi dalla folla di turisti, godendosi molto più l’atmosfera circostante. 

Valle sacra degli Incas

La valle sacra degli Incas è la valle del fiume Urubamba nelle Ande peruviane, vicino a Cusco, capitale dell’Impero Inca, e al sito archeologico di Machu Picchu. Si trova nell’attuale regione di Cusco. Insomma, anche questa è un’escursione extra che vale assolutamente la pena svolgere, anche perché, secondo alcune ricerche, questa valle fu il cuore pulsante dell’impero Inca.
La valle comprende  il territorio tra Calca e Lamay, Písac e Ollantaytambo ed è stata formata dal fiume Urubamba, noto anche come fiume Vilcanota, in lingua aymara, o Wilcamayu che in quechua, la lingua franca parlata in tutto l’impero, significa Fiume Sacro. Il corso d’acqua è alimentato da numerosi affluenti che scendono attraverso le valli e le gole adiacenti, e contiene numerosi resti archeologici e villaggi. La valle era molto apprezzata dagli Incas per le sue particolari qualità climatiche e geografiche. A tal proposito, fu una delle aree più importanti dell’impero per le sue ricchezze naturali e per la produzione di mais a nord di Pisac.
Che dire, nonostante sia stata dimenticata per secoli, credo che Machu Picchu sia uno di quei luoghi che, una volta riscoperto, non possa più essere dimenticato.

//rcm-eu.amazon-adsystem.com/e/cm?t=curiosilmondo-21&o=29&p=26&l=ur1&category=it_books&banner=1YV9F2KP47DG9QZ1VN02&f=ifr


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...