La Svizzera e il suo popolo armato

La Confederazione svizzera è uno dei paesi con il più alto tasso di armamenti pro capite, infatti, secondo i dati presi nel 2014 dal Small Arms Survey, la Svizzera si posiziona in quarta posizione, dietro a Yemen, Serbia e Stati Uniti. A proposito di questi ultimi, urge dire che, in Svizzera, i crimini commessi con le armi sono 10 volte inferiori rispetto ai detentori del primato di questa speciale classifica.
La spiegazione di tale dato la si riscontra nella cultura totalmente differente che vige all’interno dei due paesi. Ad esempio, nella Confederazione elvetica l’obiettivo principe è dare le armi ai militari, mentre negli Stati Uniti, l’obiettivo consiste nel renderle disponibile per la difesa personale. Fondamentale, inoltre, il fatto che, in Svizzera, per poter fare uso delle armi è necessario svolgere il servizio militare o iscriversi ad una società di tiro. Negli Stati Uniti, invece, non vi è praticamente alcuna esercitazione professionale.

Addentrandoci più nello specifico, urge sapere che legislazione svizzera prevede una differenza tra il permesso d’acquisto di un’arma e il porto d’armi. La persona che vuole conseguire una pistola, una rivoltella, un fucile semiautomatico o a pompa deve presentare domanda all’autorità competente che verifica i requisiti per il rilascio, tra cui maggiore età e assenza sull’estratto del casellario giudiziale di crimini o delitti che denotano carattere violento. E’ consentito comprare un’arma anche da un altro privato cittadino, a patto che sussistano le condizioni per farlo, altrimenti la polizia procederà al sequestro. Discorso diverso per il porto d’armi: bisogna avere un motivo valido e concreto per richiederlo. In altre parole, il soggetto deve dimostrare di doversi proteggere da un pericolo reale. Dopodiché verrà sottoposto a esami teorici e pratici.

In un paese dove circolano 2 milioni di armi da fuoco su 8 milioni di abitanti, fermarsi a parlare di armi con i passanti è assolutamente normale. C’è chi tiene una pistola negli armadi vicino ai propri indumenti, chi preferisce nasconderla in cantina o in soffitta e chi opta per tenerla ben custodita in cassaforte. Insomma, in un paese così sicuro e ben controllato, dove pure i cittadini sono ben preparati a difendersi, risulta assai facile che un delinquente rinunci in anticipo a qualsiasi losca velleità. Infatti, proprio per tale motivo, i cittadini elvetici, nonostante abbiano la possibilità, difficilmente si trovano costretti a premere il grilletto per difendere se stessi, i propri cari e le mura domestiche. 


Qual’è il vostro pensiero a riguardo? Pensate sia giusto che in una nazione ci siano così tanti cittadini armati? Credete che un’adeguata preparazione e dei severi controlli giustifichino 2 milioni di armi per 8 milioni di abitanti? Una cosa è sicura, tutto si può dire tranne che la Svizzera sia un paese sprovveduto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...