Alnwick garden: l’orto botanico più letale al mondo

Nel nord dell’Inghilterra, c’è un orto botanico piuttosto particolare, infatti, il messaggio di “benvenuto” è il seguente: «Queste piante possono uccidere».

Il giardino dei veleni di Alnwick è però un’attrazione. Pensate che, il castello cui il giardino è annesso, è stato utilizzato come ambientazione della scuola di magia di Hogwarts nei primi film di Harry Potter.
Creato circa vent’anni fa da Jane Percy, duchessa di Northumberland, contea nel nord dell’Inghilterra al confine con la Scozia, oltre a roseti e file di ciliegi, riunisce in un unico posto le piante più velenose esistenti al mondo. Visitarlo non è pericoloso: se si seguono regole di buon senso non si rischia nulla, ma soprattutto si impara tantissimo.
A tal proposito, da secoli le piante sono note per le loro proprietà medicinali, dalla corteccia del salice usata come antipiretico all’estratto di digitale per trattare lo scompenso cardiaco. Molte delle piante velenose sono proprio quelle da cui si ricavano principi con azione farmacologica.
La pianta velenosa per eccellenza è la cicuta, Conium maculatum, passata alla storia come quella con cui Socrate si diede la morte, tossica per la presenza di varie sostanze alcaloidi che inducono la morte per paralisi respiratoria.
C’è poi la  Brugmansia arborea, pianta esotica originaria del Sudamerica chiamata anche trombone d’angelo. Tutta la pianta è velenosa, contiene alcaloidi come atropina e scopolamina, che possono causare stati di delirio e portare anche alla morte.
Altre piante crescono tranquillamente nei nostri giardini. L’oleandro, Nerium oleander, ad esempio, in molte tradizioni è un simbolo legato alla morte. Tutte le parti della pianta sono tossiche: provocano nausea, vomito, alterazioni del ritmo cardiaco. Cinque foglie, ingerite, possono bastare per uccidere. Altri insospettabili sono piante del genere delle ellebore, tra cui Helleborus niger, la cosiddetta rosa di Natale, che cresce nelle zone alpine ma viene anche coltivata in giardino. Il suo estratto, fin dal Medioevo, veniva usato come potente veleno che provoca la morte per arresto cardiaco.
Un’altra insospettabile che può essere molto tossica è la peonia, utilizzata nell’antichità per provocare l’aborto.
fonte: Focus

Cenni storici  

Urge dire che, in realtà, il giardino di Alnwick, fu voluto dal primo duca di Northumberland, nel 1750. Il terzo duca, collezionista di piante, portò semi di vegetali esotici da tutto il mondo. Durante il XIX secolo venne creato dal quarto duca un giardino all’italiana e una serra. In seguito, durante la Seconda Guerra Mondiale, i giardini di Alnwick vennero coltivati con lo scopo di ottenere cibo per la popolazione, salvo poi cadere in rovina venendo dimenticati. Dal 1950 al 1997 i giardini rimasero chiusi, per essere infine ristrutturati proprio da Jane Percy, con l’aiuto di Jaques e Peter Wirtz, due garden-designer belgi famosi in tutto il mondo. Il nuovo giardino di Alnwick, così come lo conosciamo oggi, è il più imponente progetto botanico del Regno Unito realizzato dopo la Seconda Guerra Mondiale, con un costo di realizzazione superiore ai 50 milioni di euro.
 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...