Il Trenino Rosso del Bernina, un autentico patrimonio mondiale

Il Trenino Rosso del Bernina si inerpica su montagne innevate, quasi volesse sfidare impavido la gravità, grazie al lavoro che l’uomo è riuscito a svolgere integrando grandi opere di ingegneria con l’ambiente circostante. 

Su verso i ghiacciai scintillanti e poi di nuovo giù fino al paradiso delle palme italiano: il Bernina Express, la tratta ferroviaria alpina più alta, collega il Nord e il Sud Europa, ma anche diverse aree linguistiche e culture. Questo mitico trenino è in grado di superare, come se nulla fosse, la bellezza di 55 gallerie, 196 viadotti e pendenze fino al 70 per mille. Ad un’altitudine di 2253 metri si trova poi il punto più alto della FR, l’Ospizio Bernina, dove natura e cultura si fondono per dar vita al più affascinante dei viaggi alla scoperta delle Alpi. Qui, numerose sono le possibilità di sostare e fare passeggiate alternative come ad esempio la mitica Val Roseg o la parallela valle del Morteratsch che consente di arrivare ai piedi dell’omonimo ghiacciaio. Il Trenino prosegue poi sulla “tratta dell’Albula”, da St. Moritz al capoluogo grigionese di Coira, nonchè la più antica tra le città svizzere. A proposito di questa tratta, non si può non nominare il maestoso viadotto Landwasser, uno spettacolare ponte in pietra a 6 archi che, con un’altezza di oltre 50 metri, è una delle opere più importanti della linea. 
Dal 2008, la linea del Bernina e quella dell’Albula sono state proclamate patrimonio mondiale UNESCO, andando ad allungare la già importante lista di meraviglie che la Svizzera offre a coloro che la esplorano.
Di: Martino Linardi
Fonti:


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...