Oslo, la prima città al mondo senza automobili

Il 2019 è alle porte e Oslo si appresta a mantenere la parola data circa tre anni fa, ovvero vietare in modo definitivo la circolazione di automobili nel centro della città. Il fine, come si può facilmente immaginare, è quello di ridurre in maniera consistente le emissioni di Co2.

Per togliere le auto dalle strade, Oslo ha  cominciato a eliminare i parcheggi e a sostituirli con nuove piste ciclabili, investendo contemporaneamente in modo massiccio per rafforzare il trasporto pubblico. Il messaggio è chiaro: se è impossibile parcheggiare, è inutile usare l’automobile.

oslo-957743_960_720

Per quanto riguarda le piste ciclabili, oltre a costruirne di nuove si punta a renderle meglio utilizzabili nei rigidi mesi invernali, per esempio con una rapida rimozione della neve. A questo riguardo, il fine è quello di triplicare il numero di cittadini che effettua in bicicletta i propri spostamenti. 

Persino sul trasporto merci Oslo ha obiettivi ambiziosi: i mezzi di trasporto leggero dovranno entro il 2020 essere tutti ibridi o comunque spinti da energie rinnovabili, mentre per i veicoli pesanti l’obiettivo è di averne il 20% a propulsione ecologica.

Sempre entro il fantomatico 2020, nessun edificio della capitale norvegese potrà essere riscaldato con combustibili fossili: sono previsti incentivi finanziari sia a livello governativo che comunale per rimuovere le vecchie caldaie e rimpiazzarle con fonti di riscaldamento rinnovabili. L’attenzione sarà massima anche al momento della costruzione degli edifici: ogni cantiere, infatti, dovrà dotarsi di una struttura di pannelli solari per produrre energia pulita destinata ai macchinari pesanti. Tra le aree più ecosostenibili della città spicca senza dubbio il nuovo quartiere Vulkan, costruito in un’ex area industriale sulle rive del fiume Akrselva: è dotato persino di una mini centrale per produrre energia geotermica, oltre che letteralmente ricoperto di pannelli solari per il riscaldamento dell’acqua. Ma c’è pure la nuova area del lungomare di Tjuvholmen, equipaggiata con barriere artificiali per preservare la fauna ittica e in generale l’ecosistema dell’Oslofjord

Insomma, Oslo si mostra all’avanguardia su molteplici aspetti ed è senza dubbio un esempio super positivo da seguire. Non c’è più tempo per le chiacchiere, la salute nostra e del nostro pianeta merita azioni concrete come queste. 

 

Di: Martino Linardi

Fonti: Il Corriera della Sera – Oslo, dal 2019 niente auto in centro per tagliare a zero le emissioni

Il Sole 24 ore – Oslo senza auto: eventi e musei da non perdere nella capitale più green d’Europa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...